skip to Main Content

La ricostruzione dei denti: tutti gli interventi conservativi (e non invasivi) per un nuovo sorriso (marzo 2019)

Piccoli incidenti quotidiani come una caduta, un trauma, un colpo, possono danneggiare i denti causandone la rottura. Con le tecniche ricostruzione dei denti si può tornare ad avere un sorriso regolare e bello, anche senza interventi invasivi.

Quali sono gli interventi per ricostruire i denti?

Gli interventi più utilizzati per ricostruire i denti e migliorare il sorriso sono:

  • le otturazioni estetiche, realizzate con materiali avanzati che non scuriscono con il tempo e che nascondono i difetti dei denti riempiendo eventuali parti mancanti
  • gli intarsi, utilizzati quando le otturazioni risultano insufficienti, per integrare la parte mancante del dente con un risultato invisibile e dello stesso colore del dente
  • la ricostruzione dei colletti danneggiati dei denti e delle parti terminali usurate
  • le protesi dentali quando il dente manca o è molto danneggiato
  • le faccette dentali, piccoli “gusci” di ceramica che vengono applicati sui denti per risolvere inestetismi come forma scorretta dei denti, gli spazi tra i denti, macchie o difetti di colore
  • gliadditionals, piccoli pezzi di composito o di ceramica che si attaccano al dente per modificarne la forma o chiudere spazi senza limare il dente stesso

Tra i trattamenti per ricostruire i denti: le otturazioni estetiche

A volte il sorriso è rovinato dalla carie o da vecchie otturazioni antiestetiche in materiale scuro.
Grazie alle nuove tecniche ed a piccoli interventi non invasivi è possibile correggere questi difetti utilizzando otturazioni estetiche completamente invisibili che possono sostituire quelle precedenti. Queste otturazioni vengono realizzate con nuovissimi materiali simili alla dentina e allo smalto originale del dente che garantiscono un risultato estetico naturale e durevole nel tempo.

Tra i trattamenti per ricostruire i denti: gli intarsi in resina e ceramica

Quando i denti sono scheggiati e danneggiati si deve intervenire per ripristinare la forma originale del dente. Gli intarsi in resina e ceramica permettono di risolvere questo problema, andando a ricostruire la parte mancante con materiali estetici anallergici che ripristinano la forma e il colore del dente originario. La ricostruzione dei denti con gli intarsi è una soluzione esteticamente naturale e invisibile che garantisce un risultato naturale e durevole.

Tra i trattamenti per ricostruire i denti: le protesi dentali

Le protesi dentali sono consigliate quando i denti mancano o sono molto danneggiati. Possono esserci protesi fisse come le capsule e i ponti, oppure mobili. Vengono realizzate con tecniche speciali e con l’utilizzo di materiali particolari. All’inizio si installano protesi provvisorie e in un secondo momento, d’accordo con il paziente, si sostituiscono con quelle definitive. Quando sono eseguite correttamente, le protesi appaiono esteticamente perfette e si confondono con i denti naturali.

Tra i trattamenti per ricostruire i denti: faccette dentali e additionals

Quando i danni sono meno gravi e il sorriso appare poco armonioso a causa di spazi eccessivi, forma imperfetta e usure si possono utilizzare faccette dentali e additionals per risolvere questi problemi.
Le faccette dentali sono involucri realizzati in ceramica e vengono applicate sulla superficie esterna del dente. Hanno una forma simile a quella di un’unghia e si adattano perfettamente al dente. Non risolvono i problemi di colore perché sono superfici molto sottili che lasciano trasparire la presenza di macchie o i denti di colore diverso. In molti casi vengono applicate solo in seguito ad altri interventi per risolvere in maniera efficace i problemi di colore.
Gli additionals sono piccoli pezzi di smalto da aggiungere al dente integro per cambiarne forma o per riempire spazi. Durano a lungo, non cambiano mai colore e possono essere sostituiti se si staccano.
I casi principali in cui vengono applicate le faccette dentali sono:

  • spazi tra i denti: quando tra due denti c’è uno spazio (diastema). Spesso questo tipo di difetto si trova tra gli incisivi superiori
  • smalto usurato: lo smalto è la superficie più esterna del dente e con il passare del tempo tende a usurarsi e a scurirsi. Le faccette dentali possono coprire interamente la parte esterna dei denti
  • posizione scorretta dei denti: i denti storti o disallineati vengono spesso riposizionati mediante un apparecchio ortodontico. Si tratta però di una soluzione invasiva e piuttosto inestetica. L’uso di una faccetta dentale può essere la soluzione migliore, nei casi non particolarmente gravi
  • forma errata dei denti: nel caso in cui uno o più denti abbiano una forma scorretta, ad esempio un incisivo più corto, si possono applicare faccette dentali che abbiano la forma giusta e che rendano invisibile questo inestetismo

I casi principali in cui vengono applicati gli additionals sono:

  • abrasione dei denti: con il tempo, l’assunzione di cibi o bevande troppo acidi danneggia la superficie del dente provocando usura e abrasione, soprattutto sullo smalto. Per ripristinare l’estetica del sorriso si possono applicare gli addizionali di smalto per ripristinarlo
  • forma errata dei denti: nel caso in cui uno o più denti abbiano una forma scorretta, ad esempio un incisivo più corto, si possono applicare additionals per rendere invisibile questo inestetismo.

 

In questo caso era presente una frattura multipla in tre degli incisivi superiori. Per ripristinare l’estetica del sorriso sono state effettuate delle ricostruzioni, che hanno riportato i tre incisivi allo stato originale.

 

In questo caso i problemi erano il colore molto scuro dei denti e gli incisivi troppo triangolari e grandi, che rendevano il sorriso poco armonioso. Gli interventi effettuati per ripristinare il sorriso sono stati sbiancamento, il rifacimento delle otturazioni e il rimodellamento superiore e inferiore dei denti.

 

In questo caso il problema era il gruppo incisivo macchiato e usurato.
La soluzione è stata una combinazione di sbiancamento e ricostruzione a settore.

Gli interventi di ricostruzione sono rischiosi per il sorriso?

Grazie alle nuove tecnologie gli interventi di ricostruzione sono molto efficaci e conservativi.
Sono interventi non invasivi che mantengono il più possibile il materiale dentale originale, ottenendo un sorriso perfetto e senza costi eccessivi.

Usure dei denti e ricostruzione

Per ripristinare un sorriso esteticamente perfetto spesso sono sufficienti pochi trattamenti non invasivi: sbiancare i denti, sostituire le otturazioni vecchie con otturazioni estetiche invisibili, ricostruire lo smalto usurato, applicare faccette dentali o additionals per correggere la forma del sorriso e renderlo armonioso in modo naturale.

Altri video

Per approfondire

https://www.libreriauniverso.it/articolo/60490/9788874921102-riabilitazione-estetica-protesi-fissa-trattamento-protesico-approccio-sistematico-integrazione-biologica-e-funzionale-fradeani-barducci-quintessenza

Leggi tutto

Otturazioni estetiche: cosa sono e quando sceglierle (febbraio 2019)

Le otturazioni estetiche sono otturazioni dei denti cariati, invisibili perché eseguite con materiali che hanno lo stesso colore del dente.

Qui di seguito ne illustro i vantaggi e le caratteristiche:

 

Le otturazioni estetiche dei denti anteriori

Tra le otturazioni estetiche più complesse da eseguire ci sono sicuramente quelle dei denti anteriori: qui il colore gioca un ruolo essenziale, ma sono importanti anche la forma e l’integrazione tra il materiale da otturazione e la parte di dente restante. Il mimetismo, quindi, è fondamentale.
Nei casi che mi trovo ad affrontare, spesso intraprendo trattamenti misti per ottenere il sorriso naturale e luminoso cui ambisco: per esempio otturazioni estetiche e additionals nel caso di denti dalla forma disomogenea o arretrati l’uno rispetto all’altro.

Faccette dentali e ceramiche

Cosa sono le faccette dentali?
La faccetta è un guscio di ceramica (o disilicato di litio), con forma simile a una piccola unghia, che viene applicata sul dente al posto dello smalto. Se gli incisivi e più in generale i denti del gruppo anteriore sono troppo deteriorati, gli interventi poco invasivi non sono sufficienti. In questi casi si può ripristinare l’armonia del sorriso utilizzando faccette e ceramiche per correggere la forma dei denti ed eliminare i difetti, oppure sostituendo eventuali ceramiche preesistenti ormai troppo vecchie e antiestetiche.

Otturazioni estetiche e additionals: prima/dopo

Rimodellamento dell’arcata superiore, sbiancamento, otturazioni estetiche e additionals gruppo incisivo.

I materiali per le otturazioni estetiche

I materiali utilizzati oggi per le otturazioni estetiche sono compositi di resina, ceramica e adesivi smalto-dentinali, che hanno lo stesso colore del dente.
Possono essere usati per le otturazioni, in caso di carie, nei denti anteriori o nei molari, quando una parte della superficie o il colletto del dente risultano consumati per la masticazione o abitudini errate nel chiudere la bocca (es. bruxismo).
L’obiettivo principale che questi nuovi materiali per le otturazioni estetiche consentono di raggiungere è il totale mimetismo: il dente acquisisce lo stesso colore degli altri denti, con un risultato estetico perfetto.
Io adopero sopratutto materiali di produzione giapponese che non mutano colore nel tempo e che hanno una durata molto elevata.
Preferisco comunque lucidare le otturazioni estetiche una volta all’anno, non tanto per il colore, ma per garantire la luminosità e la lucentezza.

Le otturazioni estetiche in sostituzione delle “vecchie” e scure otturazioni

Le otturazioni estetiche più diffuse sono quelle che si eseguono per sostituire “vecchie” otturazioni scure.
Queste otturazioni, oggi totalmente in disuso, vengono definite “piombature”, ma in realtà non contengono assolutamente piombo: sono costituite da un’amalgama di mercurio, argento, stagno, rame e zinco.

Si discute spesso sull’importanza di rimuovere le vecchie otturazioni e sostituirle con quelle estetiche odierne.
Questo perché è dimostrato che l’usura delle superfici delle otturazioni con mercurio può causare il rilascio di vapori di questo metallo, che può essere nocivo per la salute.

È inoltre necessario sfatare una delle credenze che portano le persone a diffidare della sostituzione delle otturazioni estetiche cioè l’allargamento della cavità del dente per inserire la nuova otturazione: non è necessario. Si tratta di un’informazione totalmente sbagliata perché quando si sostituisce la vecchia otturazione con quella estetica non viene assolutamente rimosso altro materiale del dente, quindi la cavità rimane della dimensione precedente.

Le otturazioni estetiche dei colletti dentali

Spesso, soprattutto nel caso di persone che fanno un uso troppo aggressivo dello spazzolino per la cura dei denti, lo smalto del colletto dei denti viene eroso e il colletto diventa quindi scoperto.
In questo caso le otturazioni estetiche sono utilissime perché consentono di ricostruire il colletto, coprendo quegli antiestetici spazi scuri alla base del dente, vicino alle gengive.
L’intervento è eseguito di norma in anestesia locale, quindi assolutamente indolore.

Otturazioni estetiche in sostituzione di quelle multiple scure

Otturazioni estetiche in sostituzione di quelle multiple scure, sbiancamento, addizionali sul dente laterale.

Le otturazioni estetiche in caso di frattura dei denti

Le otturazioni estetiche si usano con successo anche nei casi di frattura dei denti, soprattutto se anteriori.
Può accadere, infatti, che in seguito a una caduta, o a un trauma in generale, i denti anteriori si spezzino.
In questi casi si esegue una ricostruzione della parte mancante del dente con il materiale composito delle otturazioni estetiche.
In pratica inserisco nella parte del dente che manca il materiale composito morbido e malleabile, e lo scolpisco ricreando la forma originaria del dente.
Ne risulta un dente dall’aspetto totalmente naturale e con lo stesso colore dei denti vicini.

Otturazioni estetiche e ricostruzione dei denti

Ricostruzione dei denti fratturati eseguita con nuove otturazioni estetiche

Le sedute necessarie per le otturazioni estetiche

Le otturazioni estetiche necessitano di tempi diversi in base alla posizione e al motivo per cui vengono eseguite.
In caso di otturazioni estetiche per coprire un foro creato da una carie si può intervenire nella stessa seduta in cui si rimuove la carie.
Nei casi più complessi di otturazioni estetiche dei colletti dentali o di denti spezzati le sedute possono essere maggiori in base all’entità del danno.


Otturazioni estetiche a Milano e a Brescia

Io eseguo otturazioni estetiche sia nello studio di Milano, sia in quello di Brescia, potete quindi contattarmi per prendere appuntamento in entrambi scrivendo a info@antonellaudeschini.it.

Autore: Antonella Udeschini – specialista in odontoiatria estetica e cosmetica

Leggi tutto

Il ruolo del dentista estetico per la bellezza del sorriso: faccette dentali e interventi di odontoiatria estetica

La dottoressa Udeschini svolge la professione di dentista estetico a Milano e a Brescia, e corregge i difetti del sorriso con interventi di odontoiatria estetica e cosmetica. Tuttavia, per molti pazienti non è chiaro il significato di “dentista estetico” e quali siano le differenze rispetto agli altri dentisti. Ecco qualche indicazione per capire quali sono i trattamenti dell’estetica dentale e di odontoiatria estetica.

Che differenza c’è tra un dentista e un dentista estetico?

Il dentista si occupa della diagnosi e delle terapie per le patologie e i problemi che interessano il cavo orale, i denti e le gengive, mentre il dentista estetico (che rimane un dentista a tutti gli effetti) aggiunge a queste attività una specializzazione nella cura delle anomalie e dei difetti che rendono antiestetico un sorriso e nei trattamenti che servono a migliorarne l’aspetto estetico.

Qual è il ruolo di un dentista estetico?

Il dentista estetico è un professionista di estetica dentale e odontoiatria estetica. Esegue i trattamenti mirati a correggere i difetti e le imperfezioni del sorriso, sia in situazioni più gravi come gengivite, fratture o mancanza di denti, sia in casi più semplici come la presenza di diastemi o difetti del colore.

Cosa distingue il dentista estetico dal dentista cosmetico?

Mentre il dentista estetico esegue gli interventi che servono per curare il dente con particolare attenzione al risultato estetico, il dentista cosmetico esegue trattamenti cosmetici su denti sani e che non hanno bisogno di cure.

A cosa serve l’estetica dentale?

L’estetica dentale comprende tutte le tecniche che servono a migliorare l’aspetto dei denti e delle gengive, per ottenere un sorriso più bello e luminoso. Fanno parte dell’estetica dentale tutti gli interventi necessari per curare eventuali patologie e problemi che danneggiano i denti e le gengive e che possono causare inestetismi anche gravi.

I trattamenti più comuni per migliorare il sorriso

Lo sbiancamento dei denti

Se i denti sono ingialliti o scuri, la soluzione più efficace è il trattamento sbiancante, per schiarire lo smalto dei denti riportandoli al colore originario. Grazie allo sbiancamento il sorriso torna luminoso, naturale e ringiovanisce.
Leggi anche:
Casi particolari di sbiancamento
Le domande più frequenti sullo sbiancamento

Otturazioni estetiche

A volte il sorriso è rovinato dalla carie, che in alcuni casi colpisce i denti anteriori, o da otturazioni antiestetiche in materiale scuro.

Oggi è possibile utilizzare le otturazioni estetiche, che risultano completamente invisibili e che possono sostituire quelle precedenti,  riempiendo le cavità formate dalle carie.

Leggi anche:
Otturazioni estetiche. Quando sono necessarie?
Niente più otturazioni scure

Le faccette dentali

In certi casi il sorriso appare poco armonioso perché alcuni denti hanno una forma imperfetta: possono esserci spazi eccessivi, essere troppo appuntiti, usurati o con una forma irregolare.
Per risolvere questi problemi si applicano le faccette dentali e gli additionals: sono gusci in ceramica posti sopra il dente per modificarne la forma.

I casi principali in cui vengono applicate le faccette dentali sono:

  • gli spazi tra i denti: se tra due denti c’è uno spazio (diastema), viene immediatamente notato. Spesso questo tipo di difetto si trova tra gli incisivi superiori.
  • lo smalto usurato: lo smalto è la superficie più esterna del dente e con il passare del tempo tende a usurarsi e a scurirsi. Le faccette dentali possono coprire interamente la parte esterna dei denti;
  • la posizione scorretta dei denti: i denti storti o disallineati vengono spesso riposizionati mediante un apparecchio ortodontico. Si tratta però di una soluzione invasiva e piuttosto inestetica. L’uso di una faccetta dentale può essere la soluzione migliore, nei casi non particolarmente gravi;
  • la forma errata dei denti: nel caso in cui uno o più denti abbiano una forma scorretta, ad esempio un incisivo più corto, si possono applicare faccette dentali o additionals che abbiano la forma giusta e che rendano invisibile questo inestetismo. La scelta tra l’una e l’altra soluzione dipende dal tipo di difetto;
  • l’abrasione dei denti: con il tempo, l’assunzione di cibi o bevande troppo acidi danneggia la superficie del dente provocando usura e abrasione, soprattutto sullo smalto. Per ripristinare l’estetica del sorriso si possono applicare gli addizionali di smalto per ripristinarlo.

Migliorare il sorriso per l’estate

Questi trattamenti di estetica dentale sono importanti per la bellezza del sorriso, che è il primo elemento che le persone notano quando ci incontrano: l’eventuale presenza di difetti dei denti, infatti, può metterci a disagio e condizionare il modo in cui ci relazioniamo. Le vacanze estive sono l’occasione perfetta per socializzare, per questo è importante fare attenzione non solo alla forma fisica ma anche al nostro sorriso.

La dott.ssa Antonella Udeschini è dentista estetico a Milano e a Brescia e può individuare le soluzioni migliori e gli interventi non invasivi di odontoiatria estetica per ottenere un sorriso perfetto.

Leggi tutto